Apertura straordinaria Capodanno 2018

 

Pasqua a Sorrento 2010

04/03/2010 13.39.16

 

Tra le varie tradizioni che si radicano in un popolo ve ne sono certamente alcune che lo rendono unico, che tendono a distinguerlo dagli altri. Se ci si domanda quali sono le abitudini che sono segno distintivo per Sorrento ed i sorrentini, non si può far altro che riferirsi alle tradizioni del periodo di Pasqua. Oltre alle notissime Processioni del Venerdì Santo, Sorrento si caratterizza per tutta una serie di manifestazioni religiose che si sviluppano nell'intero arco della Settimana Santa. Insieme alle due processioni di Sorrento, negli altri comuni della penisola sorrentina, tra il giovedì Santo ed il venerdì Santo si svolgono altri sedici cortei. Tre a Sant’Agnello, sette a Piano di Sorrento, tre a Meta, due a Massa Lubrense, una a Vico Equense. Uno delle tradizioni più sentite di Sorrento e della penisola sorrentina è quella delle processioni di Pasqua. Le processioni a Sorrento si svolgono tra il Giovedì Santo e il Venerdì Santo. Ogni congrega religiosa organizza la sua processione che sfila tra le strade della penisola sorrentina. Le processioni si svolgono nei comuni di Sorrento, Piano di Sorrento, Sant’Agnello e Meta. Il Giovedì Santo si comincia con le processioni bianche. Uomini incappucciati di bianco portano in processione per le strade i misteri della passione di Gesù Cristo: la croce, la spugna, i chiodi, il sudario e tutti gli altri oggi che ricordano la Via Crucis. Ogni processione è accompagnata da due cori: quello delle voci bianche dei bambini che apre la processione e quello del canto gregoriano del Miserere, cantato dagli adulti, che chiude la processione. Nelle notte tra il giovedì e il venerdì escono altre processioni, sempre bianche: queste cominciano il loro percorso alle 3 di notte per concluderlo all’alba. Per il silenzio che le circonda sono tra le più suggestive in assoluto. Queste processioni sono tradizionalmente aperte da un coro di donne, rappresentazione scenica delle Pie Donne, che cantano il Figlio Mio, canto che ricorda la Madonna che cerca suo figlio. Le donne sono invece escluse dalle processioni nere, quelle del Cristo Morto che escono il Venerdì Sera. In questo caso uomini incappucciati di nero portano in processione il Cristo Morto. Le processioni di Sorrento sono tra i riti più suggestivi d’Italia: storicamente sono un ricordo dell’antica dominazione spagnola. Si tratta di una tradizione molto sentita: gli uomini di Sorrento che lavorano in mare cercano sempre di tornare a Sorrento per partecipare alla processione e i ruoli si tramandano di padre in figlio.

 

 

Scarica il file allegato